Hot Chip

LABEL
Domino Records

PERFORMANCE
Djset

CONTACT
Alessandro Ravizza

LINKS
FB
Soundcloud
Instagram
Hot Chip

BIO
Una delle band più distintive e innovative che unisce musica dance e indie negli anni 2000 e 2010, gli Hot Chip di Londra hanno lasciato il segno con l'uscita del loro debutto nel 2000, il Messico. L'EP è stato un lavaggio ipnotico di battiti techno quasi subliminali, pulsati, chitarre acustiche e pianoforti morbidi, ma la voce era la vera star dello show. 
Le voci di Alexis Taylor e Joe Goddard sono uno studio raffinato in contrasto: il falsetto onirico e disinvolto di Taylor accosta al cuore la bellezza di artisti come Jeff Buckley e Nick Drake, mentre il tono monotono di Goddard sembra stanco e burbero in confronto. Autoprodotto da Hot Chip nel 2002, Sanfrandisco E-Pee si è dilettato in suoni più giocosi, dal doppiaggio beatbox della title track alle note di chiusura di "Fanta", in cui Taylor implora l'ascoltatore di "fare suoni dell'estate" ". Il gruppo ha firmato per riverire N.Y.C. etichetta discografica DFA nel 2005 e ha pubblicato l'Over and Over EP, oltre all'eccellente full-length del 2006 The Warning, seguito da un album mix DJ-Kicks nel 2007. Alla fine di quell'anno, il singolo nominato ai Grammy "Ready for the Floor "ha annunciato l'arrivo di Made in the Dark, che ha caratterizzato alcuni dei groove più mirati della band e le melodie più poppi fino ad oggi. Il più bello One Life Stand è seguito nel 2010, insieme a una collezione di remix più tardi quell'anno. Hot Chip ha lasciato DFA per Domino, che ha rilasciato il più in tempo reale, sperimentale In Our Heads nel 2012 e l'anno successivo Dark and Stormy EP. La band è tornata nel 2015 con Why Make Sense ?, che li ha trovati a riunirsi con il produttore di In Our Heads Mark Ralph e ad esplorare suoni che vanno dalla discoteca all'R & B anni '90 al post-punk.

CONTENT